Archivi tag: Fontechiara

Fontechiara, fra Borgomanero e la Cina 23 agosto 2010

Fra i vini in degustazione, quest’anno ci sarà anche una selezione di prodotti dell’azienda agricola Fontechiara di Borgomanero; un’azienda assai vivace e moderna, che si innesta però su un tronco antico, familiare… Ecco come il suo fondatore presenta l’Azienda (per maggiori dettagli http://www.fontechiara.eu/ ed [email protected]):

“Le espongo brevemente come è iniziata la nostra “ piccola grande avventura”: mia moglie Chiara ed io, nati al tempo della guerra in un ambiente contadino, abbiamo mantenuta viva la passione per la terra, il gusto dei profumi della natura, la bellezza e poeticità di un mondo fatto di cose semplici ma con tanta genuinità.
Finita la fase lavorativa che ci ha portato ad avere altre esperienze abbiamo iniziato questa “piccola grande“ avventura , ossia un ritorno totalizzante alle origini, ritrovando il fascino di essere contadini a tempo pieno. La terza età a volte fa di questi scherzi.
Il vecchio cascinale sito in Santa Cristina cascina Vallazza, già dimora dei genitori, nonni e bisnonni di Chiara e dove lei è nata e cresciuta è stato restaurato mantenendo la vecchia cantina opportunamenmte resa compatibile con le norme igienico sanitarie. I vigneti, siti principalmente nel comune di Bogogno, erano ormai incolti ed i casotti della vigna cadenti. I casotti sono stati ripristinati per renderli funzionali al ricovero attrezzi e per consentirci le soluzioni logistiche in occasione di tavolate in vigna. Una vecchia sorgente non più utilizzata è stata ripristinata, ora fornisce tutta l’acqua necessaria per i trattamenti dei vigneti e poichè le analisi effettuate tranquillizzano sulla sua potabilità, costituisce elemento essenziale per dissetare i contadini (Chiara ed io).
Con l’ausilio di tecnici che collaborano con il CNR abbiamo reimpiantato vitigni di nebbiolo e vespolina per circa 2,5 ettari con cloni autoctoni, anche se con forme di allevamento funzionali alla meccanizzazione delle lavorazioni. Seguendo le vecchie abitudini le concimazioni sono solo organiche e poichè sono banditi i diserbanti si procede a soventi zappature dei filari. Per fortuna la meccanizzazione ha ovviato al fatto che la terra sia “bassa” e che nonostante tutti gli sforzi di chi ci governa non si è ancora riusciti a portarla al livello della cintura dei pantaloni.
I vigneti sono trattati principalmente con rame e zolfo e prima dei trattamenti si procede allo sfalcio dell’erba per arrecare il minor danno possibile alle api e pronubi vari.
Il nostro obbiettivo è la qualità e non la quantità motivo per cui procediamo a diradamenti dei grappoli già prima della maturazione. Una ulteriore selezione la si fa durante la vendemmia, fase che viene chiusa in una domenica di ottobre con parenti e amici che hanno collaborato imbandendo una tavolata in vigna con Chiara che prepara un’ottima polenta e tapulone, con gorgonzola e nebbiolo a volontà.
Dopo avere smaltito gli effetti dell’abbuffata si incomincia a lavorare in cantina. Qui le uve vengono ulteriormente selezionate, pigiate e fatte fermentare. La pressatura viene effettuata con torchio con cestello in legno anche se può sembrare antiquato e la si mantiene volutamente leggera per avere solo vino “ fiore “.
In tutte queste operazioni siamo seguiti da un agronomo in vigna e da un enologo in cantina.
La nostra prima produzione è stata la vendemmia 2007 ed il nostro nebbiolo doc colline novaresi ha ottenuto il diploma di merito nel concorso Calice d’oro organizzato dalla Camera di Commercio di Novara.
Il nostro vino, prodotto in quantità limitate, è il risultato di uno scrupoloso lavoro e caratterizza il territorio motivo per cui abbiamo pensato di rivolgerci principalmente ai mercati esteri per vendere quanto noi non riusciamo a bere. Abbiamo avuto visite in cantina di operatori canadesi e degli Stati Uniti (ora si chiamano buyer) nonchè di importatori cinesi.
Abbiamo già venduto in California in Cina ed in Svezia con buon apprezzamento del nostro prodotto. Questa è la soddisfazione maggiore.
Per essere al passo con i tempi abbiamo iniziato le procedure al fine di ottenere la certificazione di qualità ISO 9001… Cordialmente La saluto.
Giancarlo Ferrari”.