Cantine La Versa: una grande storia e ottimi vini

Testarossa La Versa
Testarossa La Versa

In più di cento anni di vita, La Versa è rimasta fedele all’idea originaria del suo fondatore, Cesare Gustavo Faravelli, che il 21 maggio 1905 decise, con i primi ventidue soci, di produrre del vino di ottima qualità, espressione della sua zona d’origine. Qui, nel regno del Pinot Noir, i vini La Versa raccontano la storia di una valle, nel cuore dell’Oltrepò pavese: dolci colline dalle linee morbide, paesi arroccati e nascosti dal fascino incontaminato, colori accesi, sia in estate sia in autunno, rubati dalla tavolozza di un pittore: ecco il territorio da dove provengono le uve destinate alla nostra Cantina.Siamo in provincia di Pavia, a Sud del fiume Po, in una zona a cavaliere del 45° parallelo, nella “fascia della vite”. Un luogo ideale per far crescere l’uva che gode così del microclima ad essa più congeniale. È questa la prima zona in Italia per la produzione di Pinot Nero che La Versa utilizza come base degli spumanti. Grandi spumanti Metodo classico o spumanti Metodo Martinotti, oppure vari vini di altissima qualità che impreziosiscono la tavola e le Cresule”, grappe dal sapore inconfondibile e dal profumo. Entrare nel mondo La Versa significa intraprendere un viaggio sensoriale che ci conduce tra le pagine del catalogo di una Cantina prestigiosa e ultracentenaria. Il movimento è molto dolce, senza strappi; è, anzi, una danza, un’esplorazione curiosa di nuovi luoghi dedicati al colore, al profumo e al sapore. Tutti i sensi sono coinvolti e chiamati a dare il loro responso e così, senza che ce ne accorgiamo, passiamo di vino in vino e di pagina in pagina prolungando il piacere della nostra scoperta. Dove ci troviamo? Siamo in Valle Versa, nel cuore dell’Oltrepò Pavese, la prima zona in Italia per la produzione di Pinot Nero che La Versa utilizza come base degli spumanti. La Versa, del resto, è sempre stata un’Azienda leader nel mondo spumantistico ed è la sola Cantina in Italia che può essere considerata “la casa” del Blanc de Noir perché noi produciamo spumanti utilizzando soltanto il Pinot Nero. L’esperienza maturata dai nostri enologi e dai nostri cantinieri nell’applicazione del Metodo Classico e del Metodo Martinotti permette di presentare vini di altissimo pregio, dal Testarossa sino allo spumante Rosè, l’anima ribelle del Pinot Nero declinato sulle tinte del rosa. L’appagamento è già alto e il tour sensoriale continua: per ottenere un vino davvero eccellente si guarda alla qualità. Nascono così i grandi Cru del territorio, prodotti che ne esprimono l’essenza, che ne esaltano le tradizioni. Vini dal sapore autentico, in grado di conservare il fascino e il passato della Valle Versa e di tramandare la passione e la conoscenza dei suoi viticoltori: 720 Soci per 480 Aziende Agricole. L’ultima tappa del viaggio è una sosta “meditata” in distilleria per conoscere da vicino le grappe che portano in sé un sapore vero, un vigore ritrovato, una forza che viene dalla terra delle quali sono testimoni.

Pubblicato da sanvino

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino, Lago d'Orta Wine Festival., Chebolle e Sapeg. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 al 2020 nel Consiglio nazionale Unpli. E' stato donatore AVIS ed ora collabora con la onlus Maresca di Santhià. Vive da sempre sul Lago d’Orta, fra Omegna e Bolzano Novarese.